[Talk-it] mapnik e osm.xml

Andrea Musuruane musuruan at gmail.com
Fri Apr 17 20:43:08 BST 2009


2009/4/17 Luca Delucchi <lucadeluge at gmail.com>:
> Il 17 aprile 2009 20.55, Federico Cozzi <f.cozzi at gmail.com> ha scritto:
>> 2009/4/17 Luca Delucchi <lucadeluge at gmail.com>:
>>>> Qualcuno riesce a recuperare l'XML di OpenCycleMap?
>>> difficile, ci avevamo già provato ma la risposta fu negativa
>>
>> Cavoli, ma la CC-BY-SA non ci protegge da questo? Cioè un utilizzo
>> "proprietario" dei dati di OSM?
>>
>
> il file xml non sono i dati....almeno io la penso come andy, se uno fa
> un lavoro con i dati non è obbligato a rilasciare tutto.

Infatti. La licenza dei dati e la licenza del programma sono due cose distinte.

Ad esempio, ci sono diversi giochi il cui sorgente è rilasciato con
licenza open source, ma i dati sono invece coperti da una licenza
commerciale. Questo permette di avere l'engine del gioco su Linux ma
per poter effettivamente giocarci uno deve avere l'originale per
Windows dove sono contenuti i file dati.

Un altro caso è quello dell'uso di programmi open source come servizi,
ad esempio servizi web.

In passato, ci sono stati furbacchioni che hanno preso dei programmi
open source, li hanno modificati e hanno realizzato dei servizi web
(anche commerciali) ma non hanno rilasciato le modifiche, difendendosi
dietro al fatto che il software modificato non è stato distribuito
(cioè gli unici ad avere il codice sia sorgente che eseguibile sono
gli autori delle modifiche). Per evitare questo problema è nata la
licenza "Affero GPL":
http://it.wikipedia.org/wiki/GNU_Affero_General_Public_License

Analizzando ora il caso di mapnik, si nota che è sotto licenza LGPL v3:
http://mapnik.org/licence/

Quindi purtroppo siamo nell'ultimo caso. La licenza è open source e il
programma (mapnik) viene modificato e utilizzato per fare un servizio
web (OpenCycleMap). Non c'è ridistribuzione del codice modificato e
purtroppo non c'è alcun obbligo nella distribuzione dei sorgenti
modificati.

Spero di essere stato chiaro.

Ciao,

Andrea.




More information about the Talk-it mailing list