[Talk-it] Accuratezza tracce in centri storici

Federico Cozzi f.cozzi at gmail.com
Wed Apr 22 17:40:35 BST 2009


2009/4/22 Martin Koppenhoefer <dieterdreist at gmail.com>:
> "better safe then sorry" - bene. Pero nel caso dei foto yahoo cmq. c'è
> un certo consenso che le possiamo usare. Poi in generale, non è del
> tutto chiaro se le foto aerei in generale sono coperte del copyright o
> non (visto che descrivono solo la realtà e non c'è generalisazione).
> Le CTR invece si possono solo usare con permesso esplicito (e scritto)
> del propriatario copyright.

Ognuno fa le scelte che vuole, però la questione non è così bianco o nero.

1. E' discutibile se le foto aeree siano coperte o no da copyright:
Google, Yahoo, Microsoft ecc. ci mettono la scritta copyright. Se non
fossero coperte da copyright, nessuno vieterebbe di fare il download
delle foto aeree di Google e di ospitarle su un altro server in
concorrenza a Google.

2. E' discutibile se le CTR sono coperte da copyright: le regioni che
le producono ci mettono la scritta copyright, ma secondo alcuni  i
geodati non sono opere dell'ingegno perché mancano di scelta e
disposizione. Sono però prodotte con "sweat of the brow" che secondo
alcune legislazioni (ad es. quella UK) potrebbero farle qualificare
per la copertura da copyright

3. E' discutibile che il permesso esplicito debba essere scritto.
Secondo il codice civile italiano il contratto si perfeziona tra due
soggetti quando sussistono alcune specifiche condizioni: la forma
scritta non è tra queste. Un contratto si può perfezionare per stretta
di mano. Quello che la forma scritta (e neanche tutta!) ha rispetto
all'accordo orale è un valore maggiore come prova in caso di
controversia in tribunale. Attenzione però: un documento non firmato è
"liberamente valutabile in giudizio" quindi un giudice può benissimo
valutarlo nullo. Solo i documenti firmati (con firma olografa oppure
firma digitale) si considerano validi "fino a querela di falso".
Quindi la contrapposizione tra "permesso scritto" e "permesso non
scritto" non è tra bianco e nero: il codice civile italiano istituisce
vari gradi di bontà, né richiede la forma scritta per il
perfezionamento di un contratto.

Il senso di questa mail è: ognuno decide quali criteri adottare quando
utilizza dati altrui.
Ma invito a non confondere i criteri personali con i vincoli legali.

Ciao




More information about the Talk-it mailing list