[Talk-it] Donazione da www.geoforus.it

fradeve fradeve11 at gmail.com
Mon May 11 16:20:49 BST 2009


-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il giorno Mon, 11 May 2009 16:55:09 +0200
Luca Delucchi <lucadeluge at gmail.com> ha scritto:

> Il 11 maggio 2009 16.15, Luciano Montanaro <mikelima at gmail.com> ha
> scritto:
> > 2009/5/11 Luca Delucchi <lucadeluge at gmail.com>:
> >
> >>
> >> che i dati sono vecchi
> >
> > Che cosa vuol dire questo? Ho cartine di città d vent'anni fa, che
> > svolgono ancora il loro compito nella stragrande maggioranza del
> > caso.
> >
> > Magari tralascerei le aree giàben coperte dai nostri cartografi
> > locali, ma per le città non coperte, potrebbero essere un punto di
> > partenza. È più facile integrare delle modifiche che partire da
> > zero...
> >
> 
> secondo me è più facile partire da zero che non da una situazione
> irreale o comunque completamente diversa dell'attuale. Ovviamente
> anch'io ogni tanto utilizzo carte di anche 30 anni fa ma so che al 99%
> ci sono cose che non so più uguali e lo faccio per il solo motivo che
> le carte fin'ora avevano un costo (neanche tanto irrisorio) e non
> volevo spendere soldi (da buon genovese :-) ) Da ora in poi questo non
> ha più senso uno va su OSM e si scarica la carta (spesso più
> aggiornata di quelle "ufficiali"), oppure se la crea
> 
> > Qualcuno (ehm! :) parlava di farsi dare cartine degli anni '60
> > dall'istituto idrogeografico della marina....
> 
> io ho seguito la cosa, ma ovviamente non per caricare i dati su OSM
> era solo per liberare dei dati

Mi permetto qualche osservazione: Taranto (ne prendo una a caso, ma
l'osservazione vale per qualsiasi altra delle 50 città) non è stata
colpita da nessun terremoto che io conosca, e *mappare i centri
storici* è sempre una spina nel fianco per noi di OSM.

Pensiamo bene a cosa significherebbe avere liberato 50 centri storici.

> >
> > (punto fondamentale, pensate ai territori
> >> colpiti dai terremoti dagli anni 90 ad oggi o la cementificazione
> >> delle città come hanno cambiato la struttura delle stesse), che non
> >> abbiamo un'autorizzazione scritta dei dati di origine
> >> (fondamentale)
> >
> > Questo potrebbe essere un problema. Ma se l'autore si prende la
> > responsabilità...

Questo mi sembra il problema più importante, l'affidabilità delle mappe
di 20 anni fa varia da zona a zona: le CTR degli anni 90 saranno
inutilizzabili per le modernissime zone residenziali, ma sono ottime
per i centri storici.

> non succederà mai ma se per caso ci fosse una denuncia da parte degli
> enti titolari dei dati di origine penso che il problema sarebbe sia
> per l'autore che per osm

Sono daccordo anche su questo.

Inoltre, per quanto riguarda la licenza, mi è parso di capire che il
Sig. Biallo sia disposto a rilasciare i dati delle 50 città in
*qualsiasi* licenza faccia comodo a OSM, che sia CC o OdBL, quindi
questo problema non esiste.


- -- 
Francesco de Virgilio
*Ubuntu-it Member and Wiki Editor*
   mailto:fradeve at ubuntu-it.org
   http://wiki.ubuntu-it.org/FrancescoDeVirgilio
*Wikimedia projects contributor*
   http://en.wikipedia.org/wiki/User:Fradeve11
*OpenStreetMap Mapper*
   http://www.openstreetmap.org/user/Fradeve11
*Blog*
   http://fradeve.netsons.org
		"Love - Peace - Freedom - Free Software"
GPG 0x6482E056 (FP B996 A12C BD52 2A9B CDD3 812D 462D 93B0 6482 E056)
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.9 (GNU/Linux)

iEYEARECAAYFAkoIQlEACgkQRi2TsGSC4FaVaACfbNRzLq19pH8rnq86JzIa4Qzp
078AoJx8wyNGoi1pqXY5zQ5vhK1WgYPV
=UCD3
-----END PGP SIGNATURE-----


More information about the Talk-it mailing list