[Talk-it] sottopassaggi

Alberto Nogaro bartosomail at yahoo.it
Wed May 13 10:04:30 BST 2009


>-----Original Message-----
>From: talk-it-bounces at openstreetmap.org [mailto:talk-it-
>bounces at openstreetmap.org] On Behalf Of Luigi Chiesa
>Sent: mercoledì 13 maggio 2009 9.16
>To: openstreetmap list - italiano
>Subject: [Talk-it] sottopassaggi
>
>I sottopassaggi, come è meglio mapparli? Tunnel o bridge?

Non lo so, e anche a me piacerebbe capirlo.

>Fino ad adesso ho mappato come tunnel il sottopassaggio che è interamente
>sotto il livello del terreno circostante, e bridge se è invece la way
>superiore ad alzarsi. Se la way superiore è su un terrapieno (classico
delle
>ferrovie o autostrade) e quella inferiore è parzialmente incassata non
seguo
>una regola fissa, ma vado un po' a caso e spesso dipende se ho delle
>informazioni aggiuntive da inserire, come la portata per i ponti oppure
>l'altezza per i tunnel.

Mi sembrano criteri ragionevoli. Io istintivamente tendo ad usare come
criterio anche il rapporto lunghezza/larghezza, più è alto e più propendo a
marcare l'elemento. A volte in caso di dubbio marco entrambi, sia il tunnel
sia il ponte, non credo sia scorretto. Se poi i rilevamenti li faccio mentre
viaggio tendo a marcare sempre i tunnel, che sono più semplici da vedere. I
ponti senza guardare sotto non si capisce bene dove iniziano e finiscono (in
Svizzera è facile, c'è un segno di spazzaneve rosso e verde rispettivamente
all'inizio ed alla fine del ponte).

In fondo per il routing credo che la cosa più importante sia la correttezza
dei layer, e questi hanno solo valore relativo.

Ciao.





More information about the Talk-it mailing list