[Talk-it] Scala difficoltà in montagna

Giorgio Scandiuzzo mazarol at gmail.com
Thu Aug 5 19:36:52 BST 2010


Il 04/08/2010 20.27, Silvio ha scritto:
> Ok, ci ho provato: ecco una prima versione
> http://wiki.openstreetmap.org/wiki/User:Silviopen/tabellasentieri
>
> Fatemi sapere cosa ne pensate.
>
> Silvio
>    

Ciao.
Intanto un grazie per aver elaborato la pagina wiki cercando di 
comparare le diverse scale escursionistiche:
sono un appassionato di sport di montagna e ti posso assicurare che è un 
argomento complesso al di là di osm, quindi tanto di cappello al lavoro 
che hai iniziato.
Per riallacciarmi a quello che diceva Ale, in alpinismo e in arrampicata 
esistono varie scale, alle quali si aggiungo scale relative ad alcune 
specialità (come per esempio nell'arrampicata artificiale, nella scalata 
su ghiaccio, nel boulder, etc...).
A tutto questo aggiungi la soggettività (per quanto si cerchi di 
rispettare uno dei vari standard), per cui ci sono le differenze locali:
Ale ne ha citata una, io ti cito le vie di III grado di Dibona sulle 
Dolomiti che uno prende sottogamba per il grado che hanno, salvo poi 
invocare gli dei per venirne fuori.

Per quanto riguarda l'escursionismo:
- gli svizzeri si son dati una scala escursionistica che cerca di 
raggruppare varie informazioni in un'unica sigla/grado per gli itinerari 
nel loro complesso(qui c'è un'ottima spiegazione con foto: 
http://alpen.sac-cas.ch/html_f/archiv/2002/200204/f_41_43.pdf). Da 
ricordare che hanno anche una scala di difficoltà per le ferrate
- in Italia per gli itinerari montani si sommano varie info date da 
varie sigle/gradi (solitamente usando la Scala Escursionistica, i gradi 
di arrampicata UIAA e la scala per le difficoltà globali). Alla pag. 5 
della proposta CAI di standard per la cartografia escursionistica 
(scaricabile da 
http://www.cai.it/uploads/media/6.8_-_Linee_guida_cartografia.pdf) si 
trovano le linee/simboli per rappresentare i vari itinerari.

Nella tua comparazione hai messo da una parte i 4 livelli (dalla T alla 
EEA) previsti dalla scala escursionistica del CAI  + 2 livelli (F e PD) 
della scala della difficoltà alpinistica globale (da non confondere con 
la scala UIAA dei gradi di arrampicata), dall'altra i 6 livelli del SAC.
Pensando a vari itinerari, in primis alla Vie Normali*(vd nota sotto), 
la tabella che hai inserito a me risulta inesatta se non errata.

Il fatto è che F e PD non sono gradi escursionistici, ma si aggiungo ai 
gradi escursionistici per la descrizione delle difficoltà alpinistiche 
globali di un itinerario, quindi io non li inserirei nella tabella di 
comparazione dei gradi escursionistici ma li metterei (insieme al resto 
dei gradi della loro scale e dell'annotazione che possono essere 
accompagnati da un - o da un +) in una scala a parte come completamento.

Mi spiego con degli esempi che conosco:
- salita al Piz Boè (Dolomiti - Gruppo del Sella): è un itinerario 
valutato E e presenta alcuni tratti attrezzati; per il SAC sarebbe un T3
- salita alla Vetta dell'Antelao (Dolomiti - Gruppo Antelao Sorapis): è 
un itinerario valutato EEA - I+ - PD+ (= per Escursionisti Esperti: 
l'itinerario presenta dei tratti attrezzati, un passaggio di 
primo/secondo grado e, nella parte dopo il Bivacco Cosi, passaggi 
esposti ed insidiosi); per il SAC sarebbe un T5 e un T6

Detto questo, personalmente da quando nel 2002 il SAC si è dato la nuova 
suddivisione dei gradi escursionistici, nel cercar di capire i vari 
gradi nelle relazioni degli itinerari, io ho fatto riferimento a questa 
spiegazione:

*scala SAC escursionismo*
	*scala CAI escursionismo*
*T1* Escursione facile
	*T* Turistico
*T2* Escursione in montagna
	*E* Escursionistico
*T3* Escursione in montagna impegnativa
	*E* Escursionistico (con passaggi attrezzati)
*T4* Itinerario alpino
	*EE* per Escursionisti Esperti
*T5* Itinerario alpino impegnativo 	*EEA* per Escursionisti Esperti con 
Atrezzatura
*T4* Itinerario alpino difficile
	*EEA* per Escursionisti Esperti con Atrezzatura



Ciao,
Giorgio




/* Per "via normale" si intende la via più facile, logica ed intuitiva 
di salita ad una cima montuosa e generalmente coincide con la via 
seguita dai suoi primi salitori. Alcune vie normali sono delle semplici 
camminate che portano alla cima di una montagna, altre costituiscono dei 
percorsi alpinistici impegnativi che richiedono capacità tecniche di 
arrampicata su roccia, neve e ghiaccio e l'utilizzo dell'attrezzatura 
alpinistica./

-- 
Nessuno è mai diventato un grande giocando sul sicuro

My contacts (if I don't reply, maybe I'm outdoor...):
45°49'52"/12°00'32"
fax: 04231990281
id skype: jorgedelasierra
id OSM: mazarol

-------------- next part --------------
An HTML attachment was scrubbed...
URL: <http://lists.openstreetmap.org/pipermail/talk-it/attachments/20100805/ddfd57ae/attachment-0001.html>


More information about the Talk-it mailing list