[Talk-it] utenti che hanno confermato la nuova licenza

Simone Saviolo simone.saviolo at gmail.com
Mon Oct 11 08:53:20 BST 2010


Il 10 ottobre 2010 11:21, Fabio Alessandro Locati
<fabiolocati at gmail.com> ha scritto:
> 2010/10/10 Niccolo Rigacci <osm at rigacci.org>:
>> On Sun, Oct 10, 2010 at 10:46:23AM +0200, iiizio iiizio wrote:
>>>
>>> Sarebbe interessante sapere la percentuale di mappa che
>>> sopravviverebbe al cambio licenza più che la lista degli id.
>>
>> Non mi è chiaro se sono stati chiariti i seguenti dubbi:
>>
>> 1) I contributi "derivati" da oggetti creati da chi vuole
>>   rimanere con la vecchia licenza, rimangono con la
>>   vecchia licenza oppure vince la licenza dell'ultimo
>>   utente che ha fatto edit?
> Non ci sarà, alla fine, una 'nuova licenza' e una 'vecchia licenza' ci
> saranno (sempre se la procedura viene portata a termine) elementi con
> la nuova licenza o elementi eliminati. Secondo le attuali policy
> (ancora in discussione) tutti gli edits su un oggetto dopo un edit di
> un utente che non ha accettato la nuova licenza, verrebbero persi.

Qualcuno sa quando succederà questo? Il rischio è quello di vedersi
sparire le strade principali (quelle che c'erano già anni fa) perché
gli utenti che le hanno importate non sono più contattabili / sono
contrari al cambio di licenza. Se le cose stanno davvero così, una way
creata da X e modificata venti volte da me dopo sarebbe eliminata
perché io ho accettato la nuova licenza e X no. Ad ogni modo, fatta la
legge trovato l'inganno: basta scaricarsi i dati attuali, e quando i
dati non licenziati saranno eliminati li si ricaricano. Tutto il
processo è un po' ridicolo...

>> 2) Nel caso in cui debba valere la licenza originale, è davvero
>>   possibile risalire tutta la catena di edit per sapere se un
>>   elemento è "contaminato" dalla licenza CC-By-SA?
> La history completa è presente ;)

Ecco, questo non è chiaro. La way viene eliminata ma il suo storico
rimane presente?

>> --
>> Niccolo Rigacci
>> Firenze - Italy

Ciao,

Simone



More information about the Talk-it mailing list