[Talk-it] R: Richiesta dati Comune

Maurizio Napolitano napoogle a gmail.com
Sab 9 Lug 2011 16:16:38 BST


> breve riassunto per i nuovi arrivati: anni fa, quando ho cominciato a
> far liberare dati per OSM nota anche come "liberazione ad Simonem"
> (come qualcuno l'ha chiamata), non ritenevo che i tempi fossero maturi
> per far comprendere all'amministrazione gli opendata.

Io la definivo "ad progettum" in quanto si chiedeva il permesso per OSM
ma come dici tu e' stato un utile calcio di inizio che va poi gestito.

[...]
> Oggi siamo oltre questo: gli opendata sono una realta'. Dobbiamo pretenderli.
>
> Il mio sogno, un giorno,  quello di vedere il Catasto Italiano, in CCZERO.

Questo e' un grandissimo sogno, che temo sia  difficile da realizzare
Nella presentazione  che ho citato prima, alla slide 22 presento un
disegno in cui
sostanzialmente spiego che il processo di raccolta, manutenzione e aggiornamento
dei dati e' pagato dalla tasse, mentre quello di disseminazione e
condivisione puo'
essere fatto in due modalita'.
La prima e' quella della distribuzione a costi marginali (= parte
degli open data)
che garantisce trasparenza, ma non porta profitto
La seconda e' quella attraverso il recupero dei costi medi che porta
una ottimizzazione
dei costi, ma si porta dietro anche alti costi di transizione (=
spesso  ci costruisci sopra
un ente ... vedi  camera di commercio  o catasto).

Storicamente il primo e' stato preso in considerazione poco o zero, ed
ora, grazie
alla tecnologia, e'  un passaggio molto semplice da fare ("basta"
mettere i dati online).
Il secondo, invece, si e' radicato su alcune strutture (quelle
segnalate sopra), che difficilmente
verranno buttate giu'.
Credo pero' che seguendo il "metodo Simone" si riuscira' a superare
questo ostacolo.
Insomma ... RAW DATA NOW!

Concludo ricordando che GFOSS.it (associazione italiana per il
software libero geografico)
e' stata consultata da parte della Regione Emilia Romagna per capire
come risolvere
la questione geo open data.
Questo ha dato vita poi ad un documento che potete trovare qui
http://www.gfoss.it/drupal/opendata
Il documento appare attualmente fermo, ma, dietro le quinte, si sta
lavorando per renderlo
piu' appetibile alle p.a.



Maggiori informazioni sulla lista Talk-it