[Talk-it] Standardizzazione toponimi bilingui della Sardegna ed adattamento al modello altoadesino

Luca Meloni lmelonimamo a yahoo.it
Dom 10 Nov 2013 16:45:48 UTC



>Mi sono preso un p di tempo 
per affrontare il problema dal punto di vista informatico e umano con un p di calma  :-) La conclusione  che la >situazione attuale alla 
fine dei conti  la migliore in quanto permette una tagging atomico per 
ogni lingua (name:*) pur prevedendo un tag name >che potrebbe non essere 
atomico (atomico = 1 valore in 1 lingua) ma che permette di sapere cosa 
c' "on the ground".

>Analisi informatica : 

>Se faccio un rendering per lingua vedr comunque vuoti di informazione: 
per esempio in Africa i cartelli stradali non sono in italiano.
>Un rendering con pi lingue con una scaletta di preferenza non  
assolutamente gestibile con le risorse attuali e un rendering 
distribuito mi >sembra pericoloso (fake tile)

>Un rendering a livelli richiede un eccessivo lavoro lato server per comporre l'immagine oltre al problema di spazio su disco

>La composizione dell'immagine lato client ha problemi relativi a come i 
singoli browser implementano le specifiche css, spazio dei nomi, svg 
>oltre al fatto che il client potrebbe essere un catorcio con poche 
risorse e quindi il lasso di tempo fra la ricezione dei dati e la 
rappresentazione >a video potrebbe essere snervante.



>Analisi OSM: 
>Esiste la regola generale di non mappare per il rendering
>Esiste la regola di mappare per quello che esiste sul territorio (on the ground)


>Conclusione: 
>Continuiamo a mappare su name:* i valori nelle singole lingue e su name quello che 
c' scritto sulla cartellonistica stradale. In questo modo chi >vuole 
farsi la mappa solo italiano / solo inglese / solo quello che vuole... 
pu farlo. Nel sito principale continuiamo a vedere quello che c' on 
>the ground. In effetti se una persona vede sul cartello 2/3 lingue  
corretto che le veda anche su OSM. In questi casi inserirei anche i 
singoli >dati su name:* . 
>Per quanto riguarda l'obiezione dei 
navigatori o di altri strumenti che potrebbero avere problemi di 
visualizzazione (io stesso devo aver sollevato >questo problema in 
passato)  pur vero che i navigatori si preparano le mappe e quindi in 
fase di elaborazione possono preferire il tag name:* a >name : in 
sostanza il problema non si pone. 
>Per quanto riguarda gli editor che
 supportano solo name e non name:* (possibile incongruenza di dati), chi
 mappa zone bi o trilingue user un >editor differente (Josm, iD, 
Vespucci non hanno di questi problemi).


+1




Il Domenica 10 Novembre 2013 6:57, Stefano Fraccaro <postmaster a stefanofraccaro.org> ha scritto:
 
Mi sono preso un p di tempo per affrontare il problema dal punto di vista informatico e umano con un p di calma  :-) La conclusione  che la situazione attuale alla fine dei conti  la migliore in quanto permette una tagging atomico per ogni lingua (name:*) pur prevedendo un tag name che potrebbe non essere atomico (atomico = 1 valore in 1 lingua) ma che permette di sapere cosa c' "on the ground".

Analisi informatica : 

Se faccio un rendering per lingua vedr comunque vuoti di informazione: per esempio in Africa i cartelli stradali non sono in italiano.
Un rendering con pi lingue con una scaletta di preferenza non  assolutamente gestibile con le risorse attuali e un rendering distribuito mi sembra pericoloso (fake tile)

Un rendering a livelli richiede un eccessivo lavoro lato server per comporre l'immagine oltre al problema di spazio su disco

La composizione dell'immagine lato client ha problemi relativi a come i singoli browser implementano le specifiche css, spazio dei nomi, svg oltre al fatto che il client potrebbe essere un catorcio con poche risorse e quindi il lasso di tempo fra la ricezione dei dati e la rappresentazione a video potrebbe essere snervante.



Analisi OSM: 
Esiste la regola generale di non mappare per il rendering
Esiste la regola di mappare per quello che esiste sul territorio (on the ground)


Conclusione: 
Continuiamo a mappare su name:* i valori nelle singole lingue e su name quello che c' scritto sulla cartellonistica stradale. In questo modo chi vuole farsi la mappa solo italiano / solo inglese / solo quello che vuole... pu farlo. Nel sito principale continuiamo a vedere quello che c' on the ground. In effetti se una persona vede sul cartello 2/3 lingue  corretto che le veda anche su OSM. In questi casi inserirei anche i singoli dati su name:* . 
Per quanto riguarda l'obiezione dei navigatori o di altri strumenti che potrebbero avere problemi di visualizzazione (io stesso devo aver sollevato questo problema in passato)  pur vero che i navigatori si preparano le mappe e quindi in fase di elaborazione possono preferire il tag name:* a name : in sostanza il problema non si pone. 
Per quanto riguarda gli editor che supportano solo name e non name:* (possibile incongruenza di dati), chi mappa zone bi o trilingue user un editor differente (Josm, iD, Vespucci non hanno di questi problemi).


_______________________________________________
Talk-it mailing list
Talk-it a openstreetmap.org
https://lists.openstreetmap.org/listinfo/talk-it
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML  stato rimosso...
URL: <http://lists.openstreetmap.org/pipermail/talk-it/attachments/20131110/d0878420/attachment.html>


Maggiori informazioni sulla lista Talk-it