[Talk-it] Nome e cognome strade invertiti

Stefano Droghetti stefano.droghetti a gmail.com
Lun 29 Dic 2014 11:59:12 UTC


Il 27/12/2014 13:31, Francesco Pelullo ha scritto:
>
> E basta con questo mantra!
>
Le regole si chiamano regole e se sono basilari come questa, prima di 
cambiarle unilateralmente occorre discuterne e approvare eventuali 
modifiche con la comunità.
Non basta cambiare il nome (da regola a "mantra") per connotarle 
negativamente per potersene infischiare.
>
> La realtà è confusionaria ed eterogenea.
> Se volessimo mappare "as is" diventeremmo matti.
>
> Un esempio su tutti: se trovi scritto Corso Garibaldi, che fai? La 
> battezzi con il nome di Giuseppe? Potrebbe essere Anita.
>
La battezzo "as is", cioè "Corso Garibaldi". Seguo la regola e così 
evito anche di scambiare Anita per Giuseppe. Non è ovvio?
Seguo la regola anche in caso di errore: nell'infausto e credo non 
esistente caso in cui un'Amministrazione ignorante abbia scritto sulla 
targhetta "Corso Garibaldi Giuseppe", contravvenendo alle regole 
dell'ISTAT e alle basilari regole dell'ortografia italiana, io mapperò 
l'errore, segnalando però il refuso all'Amministrazione e aprendo un "caso".
>
> Oppure (trovato spesso in giro in alcuni piccoli centri del sud): Via 
> Vittorio Emanuele. Quale? Ne sono esistiti tre!
>
Sono problemi dell'Amministrazione. Lo lasci così come è scritto nella 
realtà: Via Vittorio Emanuele. Aggiungi magari una nota e scrivi al Comune.
>
> Ripeto: basta con questo mantra. Quello che trovi per strada deve 
> essere interpretato. Le regole del render (e quelle scritte apposta 
> per i navigatori) devono essere adattate allo schema logico più usato. 
> Se questo schema è astruso o non condiviso, modifichiamolo.
>
Lo schema logico è: mappa la realtà. Non è difficile leggere la 
targhetta. È lì che fa mostra di sé per tutti, compresi i mappatori. 
Leggi e trascrivi, fine del tuo lavoro di mapper. Semplice, logico, 
pulito e preciso.



Maggiori informazioni sulla lista Talk-it