[Talk-it] Nome e cognome strade invertiti

Stefano Droghetti stefano.droghetti a gmail.com
Lun 29 Dic 2014 13:18:07 UTC


Il 29/12/2014 13:14, Francesco Pelullo ha scritto:
>
> Credimi, in vita mia non avevo mai letto una sciocchezza più grande di 
> questa.
>
Vorrei invitare tutti, non solo tu, ad argomentare e discutere 
educatamente, senza offendere. Non ritengo buona educazione commentare 
denigrando le argomentazioni altrui senza nemmeno spiegare. Altrimenti 
si finisce nel flame: pensa se ogni cosa che scrivi qualcuno la quotasse 
aggiungendo alla fine "è una sciocchezza" o "basta con questo mantra", 
fine del post. Dove si arriva? Non è certo questo il livello di civiltà 
e di discussione a cui mi ha abituato la splendida comunità di mappatori 
OSM.
Naturalmente non mi offendo, dato che non ti conosco, anzi rimango in 
attesa di una qualsivoglia argomentazione contraria alla regola 
principale di OSM qui bollata addirittura come "sciocchezza". Anzi 
ribadisco il concetto, così da alimentare costruttivamente la 
discussione: se la targa è "Via Scafroglia" e tutti la chiamano "Via 
Scafroglia", perché cercare di interpretare, di intervenire sulla realtà 
modificando o aggiungendo informazioni che non sappiamo? A noi interessa 
una "mappa", ossia un modello - utilizzabile per gli scopi più disparati 
- il più possibile attinente alla realtà. A ciò che *è*, non a ciò che 
*dovrebbe essere* il mondo.
Da casi come questo l'esigenza di porre questa regola che tu sei il 
primo che conosco a mettere in discussione. Anzi, addirittura la 
denigri. In tantissimi casi si parte da situazioni per cui è necessaria 
un'interpretazione in quanto la realtà non è chiara: targhetta assente, 
per esempio, stradari ufficiali discordanti, eccetera. E anche in questi 
casi il lavoro non è interpretativo ma quasi "filologico": si va a 
vedere come è la realtà, o si cerca di mettere entrambe le 
interpretazioni se si riscontra che esse siano ugualmente attinenti alla 
realtà. Insomma, il principio non è disatteso e si fa sempre riferimento 
ad esso, che io sappia.
Ma, certo, se ci sono critiche e argomenti convincenti, ben venga il 
dibattito: siamo una comunità, parliamone. Ma senza bollare gli 
interventi altrui con accuse di stupidità e senza portare alcun 
argomento, per favore.



Maggiori informazioni sulla lista Talk-it