[Talk-it] Utente problematico (recidivo)

Federico Cortese cortesefed a gmail.com
Mar 21 Feb 2017 06:34:40 UTC


2017-02-21 6:26 GMT+01:00 Francesco Pelullo <f.pelullo a gmail.com>:
>
> Qualche tempo fa abbiamo cercato di approfondire. Se non ho travisato, il
> concetto espresso dalla lista fu: meglio una mappa liberamente editabile (al
> punto da essere esposta a sfregi) che una mappa editabile solo
> gerarchicamente (quindi potenzialmente "di proprietà" o se preferisci
> "controllabile" da qualcosa o qualcuno).
>

Io sono sempre stato uno dei sostenitori di questa libertà e non ho
cambiato idea. Quando mi riferisco al sistema sbagliato, non lo faccio
pensando che ci debba essere una gerarchia di utenti controllori.
Piuttosto credo che dovrebbe essere posta più attenzione alle app, in
particolar modo iD è quella che crea la maggior parte di problemi.

Per esempio gli utenti che mappano con quel software riescono
continuamente a collegare i poligoni landuse/natural alle linee
elettriche. Se usi JOSM prima di caricare ti avvisa almeno che è
strano se il nodo sulla linea elettrica non è un traliccio o un palo.
Quindi per prima cosa è necessario un validatore automatico per iD.

Inoltre quando parlavo di "tutorial" intendevo che sarebbe opportuno
che quando un mappatore decide di iniziare con iD (ma pure con JOSM e
gli altri software) parta un sistema "prova", che ti guida a fare i
primi passi.
Tipo si apre una mappa di test e tramite dei messaggi passo passo, ti
guida ad inserire una strada non mappata, a spezzarne una mappata e
cambiare il nome solo di un pezzo, aggiungere un senso unico, ecc.
fino alla mappatura dei fabbricati o dei landuse. Tipo "vedi qual
vigneto sulla foto? traccia il poligono" e si illumina un pallino sul
primo vertice, tu ci clicchi all'interno e si illumina il secondo. Se
clicchi su altri oggetti ti avvisa in cosa stai sbagliando.
Chiaramente questo su una mappa fatta apposta per il test, quindi
perfettamente controllabile.
Solo finite le sessioni di training (tipo 10 sessioni da mezz'ora
l'una) si possa poi passare alla mappa reale. Credo che in questo modo
i nuovi mappatori imparerebbero più di quello che apprendono in un
anno.
Chi si scoccia prima si vede che non è adatto a questo "lavoro" :)

Quello che è sbagliato è dare la nostra sudata mappa in mano al nuovo
arrivato, come se fosse un campo prova da devastare!

>
> In alternativa, un flag da attivare quando carichi un changeset che ti
> chieda: vuoi essere informato quando un altro utente modifica (o soltanto
> quando cancella) questi dati?
>
>  Voglio dire, l'azione di controllo non dovrebbe avvenire su iniziativa dell
> utente Federico, dovrebbe essere un default per tutti, in modo che quando
> inserisci una feature ne diventi in qualche modo "responsabile", oserei dire
> "genitore", e verifichi, almeno per la prima revisione, quello che succede.
> Poi magari passi la palla all'editor successivo.
>

A me un sistema così non servirebbe, perchè mi arriverebbero centinaia
di messaggi e non credo sarebbe gestibile.

>
> Non riesco ad immaginare sede migliore.
>

Mi riferivo al fatto che qui in lista Italia possiamo parlarne anche
per ore, ma non penso che abbiamo il potere di modificare qualcosa,
nel senso che sarebbe forse necessario parlarne su una lista
internazionale, oppure una lista developer del software specifico.

Ciao,
Federico

PS: per Fabrizio che dedica tanta attenzione alle linee elettriche,
sempre lo stesso utente ha appena modificato il nome di una centrale
elettrica da "San Vito dei Normanni" a "Centralina elettrica".



Maggiori informazioni sulla lista Talk-it