[Talk-it] Armchair o survey mapping?

Michele Malfatti michele.malfatti a gmail.com
Dom 25 Nov 2018 16:03:59 UTC


Ciao io uso il mio GPS per raccogliere dati sparsi sul territorio lungo strade che percorro in bici o a piedi. Scatto foto ad ogni wpt incrocio e scrivo cosa vuol dire quel punto. Uso Field papers nei centri cittadini. Faccio via per via e annoto tutti o dati e anche in questo caso scrivo una serie di note che poi aggiungo alla mappa. 
Michele

Sent from my iPhone

> On 25/nov/2018, at 12:06, EneaSuper <lapilloenea a gmail.com> wrote:
> 
> Buongiorno a tutti, in questi ultimi mesi mi sono posto molte volte un
> quesito piuttosto comune tra i mappatori, stimolato da esperienze personali
> e da fattori organizzativi e logistici che sono solito affrontare durante la
> mappatura. Non essendo ancora riuscito a trovare una soluzione, ho deciso di
> rivolgermi a questo canale della community.
> 
> Sono mappatore dal 2015 e, dopo molto tempo passato a praticare *l'armchair
> mapping con iD*, ho deciso di passare ad un "livello superiore", quindi
> adoperare *JOSM ed il survey mapping*.
> Con il nuovo editor mi sono subito trovato bene, ma ho avuto diverse
> difficoltà per quanto riguarda la nuova tecnica di mappatura. Prima di
> tutto, voglio parlarvi dei dispositivi in mio possesso utili alla raccolta
> di dati GPS, multimediali, ecc.:
> 
> • *Smartphone LG Nexus 5X*: si tratta di uno smartphone molto pratico e
> performante, ma che pecca in due cose molto importanti: *la durata della
> batteria e il surriscaldamento*. Questi problemi si sono manifestati sin dal
> suo acquisto, che cercai di risolvere fin da subito, ma senza ottenere
> risultati importanti e preferendo, di conseguenza, "abituarmici",
> modificando così le mie modalità d'uso. Tempo dopo venni a conoscenza del
> fatto che si trattava di problemi comuni, ma questa è un'altra storia...
> Dato quanto scritto poc'anzi l'ho adoperato poco e niente per la mappatura,
> pur garantendomi la possibilità d'incrociare dati GPS, Internet e cellulari
> per ottenere la geolocalizzazione migliore;
> 
> • *Smartphone Samsung Galaxy Grand Neo Plus*: trattasi del mio smartphone di
> riserva, precedente a quello presentato inizialmente, che pur non potendo
> garantire le stesse performance non pecca in quanto a batteria e
> surriscaldamento. L'unico difetto è, ovviamente, *l'impossibilità di poter
> incrociare i dati GPS con le altre tipologie*, in quanto il trasferimento
> della SIM è una procedura che ritengo troppo noiosa e macchinosa da eseguire
> ogni volta...
> 
> Una valida alternativa agli strumenti elettronici sono, ovviamente, quelli
> analogici, come i famigerati *field papers*, che ho adoperato più e più
> volte sia prima che dopo l'esser passato al survey mapping.
> Per rendere il più pratica possibile questa tecnica con uno strumento simile
> mi sono procurato un *portablocco*, che mi permette di mantenere i fogli
> nella maniera più stabile ed ordinata possibile, avendo per tanto un
> supporto rigido su cui scrivere in ogni condizione. Purtroppo, anche questa
> metodologia presenta dei difetti non da poco:
> 
> • *Ingombranza*: sia i fogli che il portablocco sanno esse particolarmente
> ingombranti in diverse occasioni. Se poi abbiamo la necessità, con i primi,
> di sfogliarli ecco che il problema peggiora. Inoltre, *tali strumenti non
> sono tascabili*, come invece possono essere uno smartphone o un tracciatore
> GPS;
> 
> • *Appunti disordinati*: in determinate occasioni e zone geografiche si è
> costretti a prendere numerosi appunti, che spesso possono risultare
> disordinati e poco chiari; adoperando delle volte una simbologia
> profondamente soggettiva per identificare determinati elementi (fontanelle,
> idranti, negozi, ecc.). Tutto ciò su di uno smartphone non sussiste, in
> quanto tali contenuti possono essere *modificati ed eliminati a piacere in
> ogni momento*.
> 
> Tutta questa serie di difetti, almeno nel mio caso, si manifestano spesso,
> causandomi forti dubbi e titubanze in merito a quale metodologia e quali
> strumenti adoperare, scoraggiandomi e di conseguenza riportandomi al
> armchair mapping.
> In futuro ho comunque intenzione di acquistare uno smartphone migliore
> (Huawei o ASUS), o addirittura un *tracciatore GPS Garming*; in modo tale da
> poter abbandonare definitivamente l'analogico e l'armchair mapping quando
> possibile.
> Un altro strumento molto utile che adopero durante il survey mapping è lo
> *smanicato catarifrangente*: so che alcuni di voi possono ritenerlo
> superfluo o addirittura inutile, ma in situazioni in cui si ha la necessità
> di frequentare zone con un alto tasso di viabilità, o in cui vi è un
> cantiere molto grande e movimentato, esso potrebbe risultare molto utile
> anche per tutelare la nostra sicurezza.
> 
> Detto questo, spero possiate aiutarmi a fugare i miei numerosi dubbi in
> merito a quale tecnica e strumenti adoperare, così da evitare errori e
> ritardi futuri nello svolgere il mio lavoro. Ciao e grazie! 👋🏻
> 
> 
> 
> 
> --
> Sent from: http://gis.19327.n8.nabble.com/Italy-General-f5324174.html
> 
> _______________________________________________
> Talk-it mailing list
> Talk-it a openstreetmap.org
> https://lists.openstreetmap.org/listinfo/talk-it



Maggiori informazioni sulla lista Talk-it